Combatti il Mal di Stomaco con Rimedi Naturali

La vita è una battaglia continua e l’organo che più spesso ce lo ricorda è lo stomaco. Esso diventa il contenitore dei nostri stati d’animo e spesso viene “aggredito” dal nostro stile di vita, fino a quando si “ribella”.

 

Mal di Stomaco: Tutti i Segnali della Ribellione

  • Crampi allo stomaco
  • Bruciore
  • Dolore alla bocca dello stomaco
  • Dolore retrosternale
  • Rigurgito acido
  • Eruttazioni frequenti
  • Nausea
  • Gonfiore
  • Meteorismo intestinale
  • Flatulenza

Sono tutti sintomi che indicano la presenza di problematiche di gastrite, iperacidità, ulcera gastrica o reflusso gastro esofageo.

In alcuni casi il rigurgito acido può intaccare anche le corde vocali provocando laringiti e raucedini.

 

Mal di Stomaco: Cause Principali e Come Gestirlo

Le cause principali del mal di stomaco sono spesso riconducibili a cattive abitudini alimentari:

  • Consumare i pasti troppo velocemente o a coricarsi appena mangiato
  • Assumere eccessive quantità di caffè e alcolici
  • Non bere acqua o bere bibite zuccherate
  • Mangiare male
  • La scarsa attività fisica
  • L’utilizzo di farmaci che ledono la mucosa gastrica come gli antinfiammatori

Senza dimenticare il mal di stomaco da stress.

Situazioni di nervosismo e stati ansiosi portano ad un livello eccessivo di cortisolo, l’ormone dello stress. Le conseguenze sono a carico di vari distretti dell’organismo, primo tra i quali l’apparato gastrointestinale. Infatti la somatizzazione da stress più comune è proprio a livello di stomaco e intestino, e tutto ciò non fa che aumentare il nostro malessere psico-fisico. Esserne consapevoli è già il primo passo per intervenire e interrompere il circolo vizioso che si è creato.

Viste le numerose patologie che si nascondono dietro un frequente dolore o bruciore di stomaco risulta essenziale rivolgersi quanto prima al medico per una corretta diagnosi e un intervento tempestivo e mirato.

Una gastrite acuta, se trattata immediatamente mettendo in atto strategie alimentari associate all’assunzione di alcuni farmaci, potrà risolversi del tutto in breve tempo. Se invece temporeggiamo, il rischio è di trasformarla in qualcosa di cronico ben più difficile da risolvere.

In questi casi è importante il consiglio del medico in quanto l’automedicazione può portare all’utilizzo, e in alcuni casi all’abuso, di farmaci come gli antiacidi, gli alginati e gli inibitori della pompa protonica. Se è vero che da una parte aiutano, dall’altra presentano effetti collaterali che vanno monitorati.

 

Gastroprotettori e Possibili Effetti Indesiderati

Uno di questi primi effetti collaterali è la disbiosi che deriva dal cambiamento di pH nei vari distretti gastrointestinali. Diverse pubblicazioni scientifiche evidenziano come l’uso continuativo di gastroprotettori provochi effetti avversi come la modifica della composizione del microbiota intestinale. Ciò porta ad un aumento di Streptococchi fortemente patogeni o di Escherichia coli. Un altro effetto indesiderato è la riduzione di assorbimento di vitamine e minerali con inevitabili conseguenze, soprattutto nell’utilizzo prolungato.

Questi farmaci, pertanto, dovrebbero essere utilizzati solo per il tempo strettamente necessario e sotto rigoroso controllo medico.

 

Rimedi per il Mal di Stomaco: il Segreto è nello Stile di Vita

Se non vogliamo che patologie come la gastrite, il reflusso o l’ulcera cronicizzino, è necessario cambiare le nostre abitudini di vita adottando con regolarità comportamenti utili per migliorare la funzionalità gastrointestinale. Ad esempio praticando con costanza un’attività fisica che, favorendo le contrazioni diaframmatiche, garantisce un corretto massaggio agli organi addominali, correlato a una migliore assimilazione dei nutrienti e a una regolare eliminazione delle scorie e delle feci. I momenti ideali per svolgere l’attività fisica sono prima dei pasti principali o almeno due ore dopo, per non rallentare il processo digestivo. È importante associare anche pratiche antistress incentrate sulla respirazione, come lo yoga o la meditazione.

Bere 1,5 – 2 litri di acqua al giorno non è un consiglio, ma è una vera e propria indicazione nutrizionale. È bene idratare tutte le cellule, da quelle nervose a quelle della pelle, mantenendole attive e funzionali. Riserviamo un bicchiere mezz’ora prima dei pasti principali, evitando le bevande gassate, il caffè, l’alcool, la birra, i superalcolici. Evitiamo anche di assumere bevande troppo fredde o troppo calde.

A tavola mettiamo in atto il detto popolare: colazione da re, pranzo da principe e cena da povero.

Facciamo un’abbondante colazione ricca di alimenti sani, freschi e non confezionati. Riserviamo al pranzo i carboidrati o cereali integrali con verdure crude e/o cotte. Infine, ceniamo con un pasto leggero, facilmente digeribile, preferibilmente a base proteica.

Tra i condimenti prediligiamo l’olio di oliva a crudo ed evitiamo il burro cotto, lo strutto e la maionese.

Non facciamo mai mancare sulla nostra tavola verdure come cavoli, broccoli, verze. Al loro interno troviamo una sostanza nota come sulforafano in grado di contrastare l’infiammazione gastrica.

Evitiamo infine cibi fritti, formaggi troppo grassi, carni rosse, affettati, insaccati, aglio e spezie piccanti.

 

Rimedi Naturali per il Mal di Stomaco

Tra i rimedi per il mal di stomaco vi sono delle preparazioni vegetali in grado di rivestire la mucosa gastrica con un film protettivo ad azione gel-forming. Questo aiuta a ridurre il reflusso acido e le sintomatologie ad esso associate. Estratti di piante appartenenti alla famiglia delle Brassicacee sono in grado di contrastare l’infiammazione gastrica e stimolare la produzione di muco protettivo a livello gastrico.

Per agire direttamente sulle cause, quando il mal di stomaco è conseguenza diretta dello stress, la natura ci viene incontro con la Rhodiola rosea, una pianta adattogena che agisce normalizzando gli ormoni tipicamente alterati nelle persone stressate.

Da non escludere l’integrazione di enzimi digestivi e di probiotici al fine di migliorare e ripristinare l’attività gastrointestinale.

Gli enzimi infatti diventano un supporto al lavoro dello stomaco e della prima parte dell’intestino nello smantellamento di tutti i componenti del pasto: carboidrati, fibre, proteine e grassi. Ingerirli prima di un pasto contribuisce ad alleggerirci e a ridurre il gonfiore.

Le preparazioni probiotiche riportano equilibrio alla flora intestinale contrastando lo sviluppo di quella patogena associata all’abuso di gastroprotettori. Aiutano inoltre a tenere sotto controllo la proliferazione di Helicobacter pylori, considerato il maggior responsabile di gastriti ed ulcere gastriche.

La ricerca scientifica ha dimostrato che alcuni ceppi selezionati, come il Lactobacillus helveticus e il Bifidobacterium longum, sono in grado di ridurre i sintomi gastrointestinali stress-associati, riportando ad una situazione di benessere psico-fisico.

Grazie a questi accorgimenti possiamo fermarci un attimo e tirare un sospiro di sollievo. Con una sensazione di rinnovata leggerezza, possiamo la quotidianità senza tenaglie che ci opprimono e torturano il nostro stomaco.

Prodotti Correlati

PegaStress®

Equilibrio flora batterica e stress

EnziTime®

Funzione digestiva