Sport e rischio acidosi

Sei uno sportivo della domenica che si dedica alla sua passione dopo una settimana di claustrofobico ufficio oppure pratichi sport a livello agonistico? In tutti i casi, sappi che l’attività motoria determina inevitabilmente la produzione di scorie acide e radicali liberi. In condizioni ottimali di salute, a smaltirle ci pensano polmoni, sangue e reni; ma se questi sistemi fisiologici di depurazione risultano in qualche modo sovraccarichi o “difettosi”, possono determinare uno squilibrio sistemico acido-base che rallenta lo scambio di nutrienti tra le cellule e limita la produzione di energia. Ed ecco che subentrano spossatezza, crampi, dolori articolari, predisposizione agli stiramenti muscolari.   Teniamo bene presente che alcuni fattori rendono ancora più difficile l’eliminazione delle scorie acide:

  • età: quanto più avanza tanto più diminuisce l’attività dei sistemi antiossidanti di cui siamo dotati
  • alimentazione scorretta: non consente di accumulare giuste quantità di carboidrati di riserva nei nostri muscoli
  • inquinamento ambientale: ci sovraccarica di metalli pesanti
  • attività fisica eccessiva o condotta in modo inadeguato: è importante seguire sempre un programma di allenamento
  • assunzione di farmaci 

Se ti ritrovi anche in uno solo di questi punti, cerca di integrare la tua dieta con dei minerali alcalinizzanti quali calcio, magnesio, manganese, potassio. Mi raccomando, prediligi sempre i minerali sotto forma di citrati e non di carbonati, in quanto meno irritanti per lo stomaco e la flora batterica e meno predisponenti a sgradevoli eruttazioni in seguito alla loro assunzione. I citrati ti aiuteranno a:

  • eliminare le scorie acide tra cui l’indesiderato acido lattico responsabile di fastidiosi crampi muscolari
  • recuperare forza ed energia evitando affaticamento e disidratazione durante e dopo l’attività sportiva.

Prodotti Correlati